Verso la Pentecoste

Il testo che segue è abbastanza conosciuto, ma mi sembra bello ripubblicarlo qui in questi giorni che preparano alla Pentecoste. Ne è autore Ignazio IV patriarca di Antiochia, che lo ha detto intervenendo all’Assemblea generale del Consiglio ecumenico della Chiese il 5 luglio 1968:

Senza lo Spirito Dio è lontano, Cristo resta nel passato, l’evangelo è lettera morta, la chiesa una semplice organizzazione, l’autorità dominio, la missione propaganda, il culto una semplice evocazione e l’agire cristiano una morale da schiavi. Ma in lui, e in una sinergia indissociabile, il cosmo si solleva e geme nelle doglie del regno e l’uomo lotta contro la carne, Cristo risorto è vicino a noi, l’evangelo diventa potenza di vita, la chiesa segno della comunione trinitaria, l’autorità servizio liberante, la missione una Pentecoste, la liturgia è memoria e anticipazione e l’agire umano è divinizzato.

Fonte: Un raggio della tua luce. Preghiere allo Spirito Santo, a c. di E. Bianchi, Qiqajon, Magnano 1998, 213s