Un Dio che si lascia toccare

Condivido con gli otto-dieci lettori del blog le riflessioni preparate in vista del Natale su richiesta della rivista Settimana. Capitando qualche tempo fa su un passo di Tertulliano che lascia trasparire la difficoltà dell’uomo “greco” ad accettare il mistero della venuta nella nostra carne del Figlio di Dio, ho provato a riflettere su come l’incarnazione ce lo fa “toccare con mano”: e colpisce, nei Vangeli, il modo in cui Gesù si lascia toccare – e soprattutto i con-tatti con le figure femminili sono molto significativi.

L’articolo è liberamente disponibile sul sito delle Ed. Dehoniane di Bologna, oppure a questo link.

P.S. Gli editori hanno lavorato in fretta per far uscire per tempo la rivista; così, però, sono “saltati” i rimandi delle note; ma si riesce a leggere senza problemi.