Archivi tag: immigrazione

L’asilo della sabbia

In un bell’articolo pubblicato su La Stampa del 26 gennaio 2019, Antonio Scurati cita alcuni versi del primo libro dell’Eneide (è Enea che si rivolge a Didone), che qui riporto nella versione di Rosa Calzecchi Onesti:

Quando sul flutto levandosi tempestoso Orione,
su ciechi banchi ci spinse e arenò, col vento violento,
e vinti dal mare, per l’onde, per le impervie scogliere
ci disseminò: pochi qui al lido vostro nuotammo.
Ma che popolo è questo? che barbara patria
permette una simile usanza? L’asilo della sabbia ci negano,
fan guerra, ci vietano di porre piede sul lido!
Se gli uomini avete in disprezzo e l’armi degli uomini,
ma temete gli dèi, che bene e male ricordano (I, 535-543)

C’è poco da aggiungere… se non forse almeno l’inizio dell’articolo di Scurati:

Siamo ancora umani? Umanità. Significa ancora qualcosa questa parola alle nostre latitudini europee, di questi tempi, in questo inverno arido e breve? … [Leggete il resto, vale la pena]

e l’appello che la CEI, i Valdesi, le Chiese evangeliche d’Italia e la Comunità di Sant’Egidio hanno pubblicato il 22 gennaio scorso, con il titolo Restiamo umani. Appunto.

Maglietta rossa

Era il 3 settembre 2015, e allora si sperò che quella potesse essere l’ultima occasione in cui vedere immagini di queste genere sulle spiagge del Mediterraneo. Purtroppo non è stato così e non è così.

A suo tempo non avevo pubblicato qui quella foto che, del resto, aveva fatto il giro del mondo. La riprendo adesso, riportando qui di seguito l’editoriale di Mario Calabresi su La Stampa di allora.

Alla fine dei febbraio dell’anno dopo, nell’allora mia unità pastorale di Bagnolo in Piano (RE) avevamo accolto due famiglie siriane che fuggivano dalla stessa guerra, arrivate in Italia con il primo gruppo di rifugiati accolti attraverso l’apertura dei “corridoi umanitari” realizzati dalla Comunità di S. Egidio insieme con la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia e la Tavola valdese valdese… È proprio impossibile aprire altri canali regolari di immigrazione, per mettere fine alla vergogna di questi giorni?

 

La spiaggia su cui muore l’Europa

Si può pubblicare la foto di un bambino morto sulla prima pagina di un giornale? Di un bambino che sembra dormire, come uno dei nostri figli o nipoti? Fino a ieri sera ho sempre pensato di no. Questo giornale ha fatto battaglie perché nella cronaca ci fosse un limite chiaro e invalicabile, dettato dal rispetto degli esseri umani. La mia risposta anche ieri è stata la stessa: «Non la possiamo pubblicare».

Ma per la prima volta non mi sono sentito sollevato, ho sentito invece che nascondervi questa immagine significava girare la testa dall’altra parte, far finta di niente, che qualunque altra scelta era come prenderci in giro, serviva solo a garantirci un altro giorno di tranquilla inconsapevolezza.

Così ho cambiato idea: il rispetto per questo bambino, che scappava con i suoi fratelli e i suoi genitori da una guerra che si svolge alle porte di casa nostra, pretende che tutti sappiano. Pretende che ognuno di noi si fermi un momento e sia cosciente di cosa sta accadendo sulle spiagge del mare in cui siamo andati in vacanza. Poi potrete riprendere la vostra vita, magari indignati da questa scelta, ma consapevoli.

Li ho incontrati questi bambini siriani, figli di una borghesia che abbandona tutto – case, negozi, terreni – per salvare l’unica cosa che conta. Li ho visti per mano ai loro genitori, che come tutti i papà e le mamme del mondo hanno la preoccupazione di difenderli dalla paura e gli comprano un pupazzo, un cappellino o un pallone prima di salire sul gommone, dopo avergli promesso che non ci saranno più incubi e esplosioni nelle loro notti.

Non si può più balbettare, fare le acrobazie tra le nostre paure e i nostri slanci, questa foto farà la Storia come è accaduto ad una bambina vietnamita con la pelle bruciata dal napalm o a un bambino con le braccia alzate nel ghetto di Varsavia. È l’ultima occasione per vedere se i governanti europei saranno all’altezza della Storia. E l’occasione per ognuno di noi di fare i conti con il senso ultimo dell’esistenza.