La “Conferenza di Cartagine” (411)

Questa è proprio una cosa da “specialisti”. Ma giusto 1600 anni fa, nel giugno del 411, si tenne a Cartagine la Collatio cum donatistis: una “conferenza generale” di tutti vescovi, donatisti e cattolici, dell’Africa del nord, per cercare di venire a capo una buona volta dello scisma donatista, che devastava da oltre un secolo la Chiesa africana. Di questo incontro (che avvenne in tre sessioni) sono rimasti gli “Atti”, oltre ai resoconti che ne diede S. Agostino, che fu uno dei protagonisti della vicenda; è così possibile ricostruire le vicende e il dibattito nei dettagli – anche se gli Atti sono incompleti per la terza e decisiva giornata. Anche se non sono un esperto di queste cose, mi sembrava che valesse la pena ricordare questo anniversario: ne ho scritto un articolo pubblicato sull’ultimo numero della Rivista di teologia dell’evangelizzazione pubblicata dalla Facoltà teologica dell’Emilia Romagna (cliccate sull’immagine a fianco per il sommario del fascicolo, pubblicato a inizio luglio 2011). Per chi volesse sapere perché dovremmo interessarci a vicende così remote, se non siamo storici con interessi eruditi, dirò che tra le altre cose il donatismo (e la reazione “cattolica” ad esso) sollevò tra gli altri il problema (che non sembra remoto) del rapporto tra religione e violenza, del rapporto chiesa – potere civile ecc. Qualcosa da imparare c’è sempre.

Nello stesso numero di RTE c’è anche un articolo di don Davide Castagnetti su mons. Mario Prandi, fondatore della “Congregazione mariana delle Case della Carità”.