Il Papa e Chesterton

Dale Ahlquist, uno dei maggiori conoscitore dell’opera di G. K. Chesterton, è stato interpellato a proposito di una citazione del grande scrittore inglese, fatta “a braccio” da papa Francesco nell’omelia mattutina a S. Marta del 5 dicembre scorso. Secondo il resoconto che ne ha poi dato l’Osservatore romano, papa Francesco “ha ricordato lo scrittore inglese Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) che «parlando sulle eresie» ha detto «che un’eresia è una verità, una parola, una verità che è diventata pazza»”.

A quanto pare, il papa nell’omelia si era limitato a parlare di uno “scrittore inglese”, in ogni caso è indubbio che il riferimento fosse a Chesterton. Interpellato dunque a proposito della fonte di questa citazione, Ahlquist si è fatto tradurre in inglese (dalla moglie, che è italiana) il passaggio dell’omelia del papa in questione, e si è messo alla ricerca della citazione, precisando però quanto segue:

Tenete presente che si tratta della traduzione inglese della trascrizione italiana di un’omelia improvvisata da parte di qualcuno che sta facendo una traduzione improvvisata in italiano di un testo che sta citando a memoria da una traduzione spagnola di un testo inglese che non ha mai letto in inglese…

Bello, no? Per il resto della risposta (inclusi i testi di Chesterton a cui il papa fa allusione), andate sul sito di Crisis Magazine.